L’Oms abbassa i limiti massimi di sale nel cibo

La maggior parte delle persone consuma il doppio dei 5 g di sale giornaliere raccomandati dall’Oms, esponendosi a un rischio maggiore di malattie cardiache e ictus, patologie che uccidono circa 3 milioni di persone ogni anno. Per questo, l’Organizzazione mondiale della sanità ha rilasciato una nuova serie di parametri di riferimento globali per i livelli di sodio in oltre 60 categorie di alimenti che aiuteranno i paesi a ridurre il contenuto di sodio negli alimenti per migliorare le diete e salvare vite umane.
“Who Global Sodium Benchmarks for Different Food Categories” (https://www.who.int/publications/i/item/9789240025097) è una guida per i paesi e le industrie per ridurre il contenuto di sodio in diverse categorie di alimenti trasformati. I benchmark globali del sodio dell’Oms si rivolgono a un’ampia gamma di categorie di prodotti alimentari trasformati e confezionati che contribuiscono in modo significativo a diete eccessivamente salate. Pane trasformato e confezionato, snack salati, prodotti a base di carne e formaggi sono tra le categorie di prodotti alimentari ad alto contenuto di sodio identificate per i nuovi benchmark globali.
In tutto il mondo, il consumo di alimenti trasformati è una fonte di sodio in rapido aumento. “In modo confuso, prodotti alimentari trasformati simili spesso contengono quantità diverse di sodio in paesi diversi” spiega l’Oms in una nota “I parametri di riferimento globali armonizzati dell’Oms mostreranno ai paesi come possono progressivamente abbassare i loro obiettivi, in base ai loro ambienti alimentari locali, e incoraggeranno l’industria ad abbassare di conseguenza il contenuto di sodio negli alimenti trasformati e avanzare verso l’obiettivo dell’Oms di una riduzione del 30% dell’assunzione globale di sale entro il 2025″.
“La maggior parte delle persone non sa quanto sodio consuma o i rischi che comporta”, ha affermato il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS. “Abbiamo bisogno che i paesi stabiliscano politiche per ridurre l’assunzione di sale e forniscano alle persone le informazioni di cui hanno bisogno per fare le giuste scelte alimentari. Abbiamo anche bisogno che l’industria alimentare e delle bevande riduca i livelli di sodio negli alimenti trasformati. I nuovi parametri di riferimento dell’OMS offrono ai paesi e all’industria un punto di partenza per rivedere e stabilire politiche per trasformare l’ambiente alimentare e salvare vite umane “. Nel Regno Unito, gli obiettivi volontari per i produttori di alimenti per riformulare i prodotti hanno ridotto l’assunzione di sale per adulti di circa il 15% tra il 2003 e il 2011, indicando che la definizione di obiettivi su più categorie di alimenti può ottenere riduzioni significative del consumo di sodio. Va detto che basta fare una simulazione con alcuni dei valori indicati e senza eccedere si supera tranquillamente la soglia dei 5 grammi di sale al giorno stabilita dall’Oms.

da: ilsalvagente.it, 7/5/2021