terra acqua aria sole vita agricoltura cultura

Notiziario di informazione a cura dell'Accademia dei Georgofili

logo_georgofili

15 giugno 2011

top_colonna1

Stampa

Concluso il convegno internazionale a Vignola sul ciliegio: occorrono nuove strategie per competere sui mercati

La cerasicoltura è in recupero lento, ma molto lontana dai volumi produttivi di 30 anni fa: attualmente si stima che la produzione nazionale soddisfi solo l’85% del mercato italiano.  A conclusione del simposio nazionale di Vignola - organizzato dall’Università di Bologna - sullo stato di salute della coltura, emerge un quadro complessivo di un frutto che in termini di export rappresenta, per l’Italia, appena il 3%, contro il 13% della Turchia (il maggior produttore a livello internazionale) ed il 23% degli stati Uniti. Se Spagna e Marocco sono ormai produttori storici, la ciliegia, nelle sue numerose declinazioni varietali, sta interessando Paesi che fino a qualche anno fa non avevano alcun interesse produttivo. Per dare un nuovo impulso alla coltura, è stato detto nel corso dell’appuntamento vignolese, occorre migliorare le tecniche di refrigerazione, ampliare la gamma varietale per allungare la stagione e introdurre nuovi imballaggi che consentano una più lunga conservazione dei frutti.

da Agrimpresa News n°13 inter_colonna1
Share |

bottone_invia

Commenti

inter_colonna1
top_colonna3
box_cerca bottom_titolo_box_p bottone_cerca
box_partners bottom_titolo_box_p
  • coltura e cultura
  • agricultura.it
  • agronotizie
  • almanacco delle scienza
  • fresh plaza
  • stilenaturale.com
  • teatro_naturale
  • fertirrigazione
  • il floricultore
  • aset toscana

Copyright 2010 - ACCADEMIA DEI GEORGOFILI - C.F. e P.iva 01121970485

Disclaimer | Privacy | Credits