terra acqua aria sole vita agricoltura cultura

Notiziario di informazione su agricoltura, ambiente, alimentazione a cura dell'Accademia dei Georgofili

logo_georgofili
top_colonna1

in primo piano

Il melograno: potenziale coltura industriale con valenza nutraceutica

Paolo Ranalli

In questi ultimi anni, il melograno è stato al centro di sempre maggiori attenzione come possibile coltura in grado di alimentare una filiera agro-industriale innovativa nel nostro Paese. In recenti convegni e tavole rotonde sono state condivise le prime evidenze scientifiche ottenute in vari ambiti dalla ricerca, identificate le criticità della filiera e delineate le aspettative della coltura nel territorio italiano.
Il melograno è coltivato soprattutto in ambienti con clima mediterraneo (Cina, India, Iran, Turchia e Israele sono i maggiori produttori), ma prove effettuate in Emilia Romagna dimostrano che l’areale di coltivazione può essere espanso anche in aree settentrionali, utilizzando germoplasma adatto. Il panorama varietale è formato principalmente da ecotipi: da ciò lo sforzo di sviluppare nuove selezioni adatte a vari areali colturali e con frutti idonei a diversi utilizzi.
L’interesse per questa specie negletta è suscitato dalle qualità nutraceutiche del frutto e dalla rusticità della pianta, che si adatta a vivere anche in zone marginali. Il succo di melograno è un'eccellente sorgente di vitamine C e del gruppo B, di potassio e di notevoli quantità di polifenoli antiossidanti.

Pomegranates: a potential industrial crop with nutraceutical value
Pomegranates are mainly cultivated in areas with a Mediterranean climate, but tests carried out in Emilia Romagna have shown that the crop’s distributional area can also be extended to northern areas, using the right germ plasm. The interest in this species has been spurred by the fruit’s nutraceutical quality and the plant’s hardy nature that also adjusts to marginal areas.

VISUALIZZA TUTTO L'ARTICOLO

inter_colonna1

in primo piano

La ricerca biologica vegetale e l’agricoltura

Amedeo Alpi

In una recente INFO riportavo la presa di posizione dei biologi delle piante statunitensi circa la scarsità del numero di ricercatori assunti dai centri di ricerca (delle Università o di altre Istituzioni) per lo studio delle piante, rispetto all'effettiva necessità degli USA. L'articolo esortava energicamente i poteri pubblici a trovare rapide ed efficaci soluzioni, ritenendo, tra l'altro, che la sproporzione rilevata non fosse solo riscontrabile in Nord America, ma, sostanzialmente, in tutto il pianeta.
Messo in questi termini, il problema della ricerca in biologia vegetale sembrerebbe  quindi di tipo quantitativo: abbiamo bisogno di più esperti nello studio delle piante coltivate. In quell'articolo nulla veniva detto circa il livello qualitativo della ricerca, eppure quest'ultimo aspetto non è certamente argomento secondario. E' fuori di dubbio che la ricerca in biologia vegetale debba essere di buona qualità affinché i suoi risultati possano essere utilizzati proficuamente per il miglioramento della produzione agraria vegetale. Su questa tematica si è discusso a lungo ed è probabile che si discuta ancora nel futuro, perché c'è una difficoltà di fondo nella scelta dei parametri sui quali si basa il giudizio circa la qualità.

VISUALIZZA TUTTO L'ARTICOLO

inter_colonna1
top_colonna2 vieni a trovarci su facebook vieni a trovarci su twitter

La selvicoltura giurassica: conseguenze forestali e umane

Giovanni Bernetti

Colpisce il modo con cui la  fisionomia di alcune di queste macchine ricordi da vicino quella dei rettili giganteschi del Secondario.

VISUALIZZA TUTTO L'ARTICOLO

inter_colonna2

Una macchina animale perfetta: il dromedario

Dario Cianci

Sta nascendo in Europa ed in Italia la moda del dromedario; l’anno scorso l’Europa ne ha autorizzato la vendita del latte e quest’anno un veterinario di Messina ne ha creato un allevamento.

VISUALIZZA TUTTO L'ARTICOLO

inter_colonna2
top_colonna3
box_cerca bottom_titolo_box_p bottone_cerca
box_partners bottom_titolo_box_p
  • coltura e cultura
  • agricultura.it
  • agronotizie
  • almanacco delle scienza
  • fresh plaza
  • stilenaturale.com
  • teatro_naturale
  • fertirrigazione
  • il floricultore
  • aset toscana

Copyright 2010 - ACCADEMIA DEI GEORGOFILI - C.F. e P.iva 01121970485

Disclaimer | Privacy | Credits