terra acqua aria sole vita agricoltura cultura

Notiziario di informazione a cura dell'Accademia dei Georgofili

logo_georgofili

05 novembre 2010

top_colonna1

Stampa

Bruni (COGECA): quale futuro per l’ortofrutta dopo il 2013?

Quale sarà il futuro per il settore ortofrutticolo dopo il 2013, quando verrà applicata la nuova Politica Agricola Comune (Pac)? A questo interrogativo ha cercato di rispondere Paolo Bruni, presidente della Cogeca (Confederazione generale delle cooperative agricole dell’Unione europea), intervenendo ad un seminario sul rinnovo della Pac e dell’Ocm organizzato dal Consorzio Vog a Terlano (Bz) in occasione di Interpoma.
Secondo Bruni, per poter garantire anche in futuro il giusto sviluppo a questo comparto, favorendone la stabilità e la competitività, è necessario puntare con decisione su alcuni aspetti. Prima di tutto, occorre garantire al settore della frutta e degli ortaggi un apposito budget finanziario non inferiore a quello attuale. Secondariamente, è necessario potenziare il ruolo delle OP e della AOP, nazionali e transnazionali, per migliorare il peso della produzione ed il suo posizionamento sul mercato attraverso l’innovazione di prodotto e di processo adeguando l’offerta alla domanda. Inoltre, occorre rafforzare il ruolo dei Programmi operativi quali efficaci mezzi di sviluppo e migliorare la trasparenza nelle transazioni commerciali, in particolare con la Grande Distribuzione Organizzata, per garantire una maggiore certezza sui prezzi di vendita, sui tempi di pagamento, sugli sconti e le promozioni. Parallelamente, nel quadro degli scambi commerciali all’interno dell’Europa e degli altri paesi del mondo, si deve favorire il riconoscimento della reciprocità delle norme amministrative diminuendo le barriere fitosanitarie per assicurare una migliore circolazione delle merci. “Infine – ha dichiarato Bruni – per prevenire le crisi e sostenere il reddito delle imprese è necessario rivedere il regolamento comunitario in vigore, adeguando in primo luogo le compensazioni per i prodotti ritirati dal mercato, e costituire un osservatorio di mercato transnazionale capace di fornire quelle informazioni indispensabili per la gestione della produzione. Ma servono anche altri supporti oggi non ancora disponibili: in particolare occorre finanziare una assicurazione dei ricavi per il produttore ed una assicurazione dei crediti per le imprese poiché affrontando nuovi mercati si rischia il mancato pagamento del prodotto commercializzato”.
(Fonte: COGECA)

inter_colonna1
Share |
inter_colonna1
top_colonna3
box_cerca bottom_titolo_box_p bottone_cerca
box_partners bottom_titolo_box_p
  • coltura e cultura
  • agricultura.it
  • agronotizie
  • almanacco delle scienza
  • fresh plaza
  • stilenaturale.com
  • teatro_naturale
  • fertirrigazione
  • il floricultore
  • aset toscana

Copyright 2010 - ACCADEMIA DEI GEORGOFILI - C.F. e P.iva 01121970485

Disclaimer | Privacy | Credits