terra acqua aria sole vita agricoltura cultura

Notiziario di informazione a cura dell'Accademia dei Georgofili

logo_georgofili

30 ottobre 2013

top_colonna1

Stampa

Disseccamento rapido dell’olivo

di Giovanni P. Martelli

Questa fitopatia che, come ne denuncia il nome, è caratterizzata da disseccamenti estesi e rapidi della chioma degli olivi che ne sono affetti e che ne muoiono,  si è manifestata un paio di anni addietro  nel Salento leccese, agro di Alezio, su di una  diecina di ettari. Essa si è poi diffusa  rapidamente, specie nell'anno in corso, sì da interessare oggi un'area stimata  di circa 8000 ha. Il tipo di sintomi (disseccamento improvviso a "pelle di leopardo" che si estende progressivamente all'intera chioma e collasso delle piante) ha fatto supporre l'azione di agenti tracheifili, la cui localizzazione potrebbe ridurre, se non bloccare, il rifornimento idrico. Ed è lungo questa direttrice che si sono mosse le indagini condotte dal Dipartimento di Scienze del Suolo, della Pianta e degli Alimenti dell'Università Aldo Moro di Bari e dalla Unità Operativa di Bari dell'Istituto di Virologia Vegetale del Consiglio Nazionale delle Ricerche.
Cosa si è appreso: (1) il legno dell'annata delle piante deperenti è estesamente imbrunito e colonizzato da funghi  tacheomicotici del genere Phaeoacremonium (gli stessi coinvolti nell'eziologia nel complesso del "Mal dell'esca" della vite) la cui specie più rappresentata è P. parasiticum. Gli imbrunimenti causati da questi miceti  sono solitamente collegati alla presenza  di gallerie del rodilegno giallo (Zeuzera pyrina) il cui ruolo nella insorgenza delle infezioni fungine non è stato ancora accertato; (2) nelle piante sintomatiche di olivo (ma anche di mandorli ed oleandri con bruscature fogliari presenti nelle vicinanze degli oliveti colpiti) è stato identificato, sia con saggi molecolari che sierologici, un ceppo del batterio Gram-negativo Xylella fastidiosa, un agente da quarantena non segnalato in Europa e nel Bacino del Mediterrano (i reperimenti di qualche anno addietro in Kosovo su vite, ed in Turchia su mandorlo, mancano di conferma definitiva). 
Xylella ha una vasta gamma di ospiti, legnosi ed erbacei, che ne costituiscono il serbatoio naturale e di vettori (cicaline), alcuni dei quali vivono anche da noi. La sua presenza, pertanto, è fonte di giustificati timori anche per la gravità dei danni che il batterio infligge alla vite (Pierce's disease) nelle Americhe, ed agli agrumi (Citrus variegated chlorosis) in Sud America, colture di primaria importanza anche per la Puglia. 
Se è pertanto comprensibile la preoccupazione che il reperto salentino ha provocato, lo è assai meno, perché basato su congetture totalmente prive del conforto di verifica alla fonte (Istituzioni che stanno indagando sulla malattia), il crescente allarmismo  degli organi di stampa. Titoli come: "X. fastiosa killer degli olivi ...", "Olivi in quarantena per il batterio killer"; "Identificato il killer degli olivi" ormai dilagano. 
Si dà il caso che le indicazioni molecolari acquisite a Bari forniscano buoni motivi per ritenere che il ceppo salentino di X. fastiidiosa appartenga ad una sottospecie (o genotipo) che non infetta né  a vite né gli agrumi, e che esperienze statunitensi (California) indicano come  dotato di scarsa patogenicità per l'olivo. Di ciò è stata data notizia al Servizio Fitosanitario Regionale ed al Ministero per le Politiche Agricole Alimentari e Forestali, e se ne è parlato, sembrerebbe invano, nei numerosi incontri con tecnici ed agricoltori che si sono tenuti nelle zone colpite. 
In conclusione, non vi sono al momento elementi che  facciano ritenere X. fastidiosa come l'agente primario del disseccamento rapido dell'olivo. Essa è verosimilmente coinvolta nel quadro eziologico come compartecipe. E' quanto si vuole accertare attraverso l'isolamento (in corso) in coltura pura del batterio, che ne consenta la definitiva ed incontrovertibile identificazione e permetta la conduzione di prove di patogenicità che possano una volta per tutte accertarne il comportamento su olivo. A ciò si aggiunga la ricerca dei possibili vettori, anch'essa in effettuazione.
In attesa delle risultanze degli studi in corso, che permettano la formulazione di un piano di contenimento e di lotta, si è suggerita al Servizio Fitosanitario Regionale l'adozione di interventi da intraprendere con immediatezza per: (1) delimitare l'area contaminata, (2) identificare una zona tampone; (3) bloccare la movimentazione di piante e di materiali di propagazione nelle e dalle zone considerate.

inter_colonna1
Share |

bottone_invia

Commenti

nicola salvati - inserito il 17/03/2015

siamo nel 2015 e da due anni non si sono fatti progressi nella ricerca? nel salento ho sempre visto fenomeni di essiccamento di parte della chioma degli ulivi, ora è diventata una epidemia? indebolire le piante con i diserbi indiscriminati è stata presa in considerazione come un fattore di diffusione del batterio?

annarita fersurella - inserito il 27/02/2015

Sono un architetto e non riesco ,nè voglio immaginare un salento senza gli alberi di ulivoNon mi sembra vero,pensavo all inizio che fosse una malattia "rimediabile",esperti e tecnici ancora oggi non sanno come affrontare la malattia,se aggiungiamo una politica assente,le conclusioni sono catastrofiche,noi ed altri ci stiamo adoperando con le nostre risorse ad affrontare il problema,tagliamo disinfettiamo ma sicuramente non basta.Ci dobbiamo muovere abbiamo bisogno di risorse e dobbbiamo rinunciare al frutto e salvare gli alberi.Mi rifiuto di pensare ad un progetto di riqualificazione del territorio perchè rifiuto l idea di un salento senza le nostre meravigliose sculture

Maria Antonietta Grazian - inserito il 14/01/2015

In qualità di proprietaria di un piccolo uliveto alle porte di Lecce, seguo con apprensione l'evolversi del fenomeno. Credo, comunque, che convergano anche i mutati fenomeni climatici, perché quest'anno, per esempio, i miei ulivi si sono rifiutati di fiorire a tempo debito e quei pochi fiori sono andati giù spazzati dal vento e dalle piogge torrenziali, tanto che non abbiamo raccolto le poche olive rimaste, perché malate. Non ho nemmeno recuperato la quantità necessaria per conservarle in salamoia. C'è tanto lavoro per curare gli olivi in modo non aggressivo, ma, a volte, mi chiedo se ne valga la pena.

leone cantarini - inserito il 04/11/2013

mi piace

giulio fantone - inserito il 04/11/2013

bando alle chiacchiere ... gli organi predisposti apportino conoscenze definitive sull'argomento in questione nell' interesse di tuttiiii grazie

antono bartolomeo - inserito il 03/11/2013

Quale occasione migliore per ricordare il giorno dei morti, o meglio il giorno della memoria, nel prendersi cura di una pianta cosi cara.. http://www.youtube.com/watch?v=O8IVnOvuUV8

inter_colonna1
top_colonna3
box_cerca bottom_titolo_box_p bottone_cerca
box_partners bottom_titolo_box_p
  • coltura e cultura
  • agricultura.it
  • agronotizie
  • almanacco delle scienza
  • fresh plaza
  • stilenaturale.com
  • teatro_naturale
  • fertirrigazione
  • il floricultore
  • aset toscana

Copyright 2010 - ACCADEMIA DEI GEORGOFILI - C.F. e P.iva 01121970485

Disclaimer | Privacy | Credits