Il progetto SelMol presentato ai Georgofili in un convegno il 15 e il 16 settembre

Importanti risultati per il miglioramento genetico in zootecnia

di Alessandro Nardone
Con l’ acronimo SelMol (Selezione Molecolare) viene indicato il progetto “Ricerca e innovazione nelle attività di miglioramento genetico animale mediante tecniche di genetica molecolare per la competitività del sistema zootecnico nazionale”.  E’ un progetto, di durata triennale, finanziato nel 2007 dal MiPAAF al consorzio delle Associazioni Allevatori (CRSA) e svolto da Unità di ricerca appartenenti a16 Università e 4 Centri, in collaborazione con le Associazioni Allevatori (ANA). L’obiettivo generale del progetto  è stato il potenziamento del miglioramento genetico delle popolazioni animali allevate in Italia, diretto ai caratteri già sotto selezione, nonché a nuovi caratteri riguardanti la qualità dei prodotti e le condizioni di salute, il benessere e la fertilità degli animali. I risultati conseguiti stanno già promuovendo lo sviluppo di  modelli integrati tra le tecniche di genetica molecolare e le metodologie tecnico-operative  in essere negli schemi di selezione  gestiti dalle ANA.
La ricerca di SNP (single nucleotide polymorphism), a bassa e alta densità,  di QTL (quantitive trait loci), l’impiego della proteomica e di altre tecniche di genetica molecolare hanno  portato a numerose  acquisizioni  di interesse per tutte le specie animali studiate (bovini ,suini, bufali, ovini, caprini, equini), nei diversi settori di ricerca indagati ( produzione di latte e carne, malattie e stress, tracciabilità dei prodotti, nutraceutica, ecc.). Per la specie bovina, in particolare, i risultati della innovativa  metodologia della selezione genomica hanno permesso alle ANA di confrontarsi a livello internazionale sui moderni schemi di selezione.
Infine, non meno importante è la forte interazione che il progetto ha promosso tra i tanti ricercatori che operano nel campo della genetica molecolare in Italia.