La Baviera vuole conquistare il mercato lattiero-caseario italiano

Con un'offensiva di marketing, il Ministro dell'Agricoltura della Baviera Helmut Brunner vuole incentivare l'export delle specialità lattierocasearie bavaresi in Italia.
E' quanto ha reso noto lo stesso Brunner a seguito dell'incontro con Onofrio De Carne, il principale importatore italiano di prodotti lattieri bavaresi, che si e' tenuto a Monaco nell'ambito della manifestazione agricola Zentral-Landwirtschaftsfest.
"Nei prossimi mesi avvieremo delle campagne pubblicitarie rivolte specificatamente all'Italia e sponsorizzeremo le specialità bavaresi nei forum commerciali, ad esempio a Bologna", ha dichiarato il ministro. 
L'obiettivo è rendere appetibili per gli importatori e gli acquirenti delle aziende commerciali le specialità di alta qualità prodotte nel Libero Stato.
La Baviera può vantare più di 30 specialità protette, e proprio su questo che vuole soprattutto puntare (...). I sondaggi rivelano infatti che i consumatori italiani apprezzano molto le denominazioni di origine protetta.
Lo scorso anno, con un valore delle merci di circa 1,6 miliardi, l'Italia e' stata il principale acquirente del settore agroalimentare della Baviera.
A essere richiesto, in Italia, e' soprattutto il formaggio bavarese. Nel 2015 il formaggio e' stato il principale gruppo di prodotti, con un valore delle esportazioni di 460 milioni di euro, seguito dal latte e dai prodotti lattieri, con un valore di 251 milioni di euro.
Lo scorso anno, invece, è stato registrato un calo delle esportazioni, a causa della pressione dei prezzi e dell'offerta a prezzi più bassi proveniente da altri paesi.

in "TopAgrar" (Germania), da: Agrapress, Rassegna stampa estera n° 1176