La mosca delle olive: una "calamità" sempre più frequente per la produzione olearia toscana

di Riccardo Russu
La mosca delle olive, Bactrocera oleae, è un insetto carpofago la cui larva minatrice è in grado di produrre seri danni alle drupe . La mosca è diffusa in tutto il bacino del Mediterraneo, in Sud Africa ed in California.
Lo svolgimento del ciclo biologico è influenzato dal clima ed in particolare dalla temperatura e dall'umidità.
Negli ultimi anni, a causa del susseguirsi di stagioni anomale, con inverni più o meno miti, primavere piovose e con estati non sempre calde e secche, il ciclo dell'insetto si è adattato a questi cambiamenti creando difficoltà alla programmazione del contenimento delle infestazioni sia per la difesa sia in agricoltura convenzionale che biologica.
In Toscana la mosca delle olive è un organismo nocivo presente costantemente tutti gli anni,   nelle varie aree climatiche regionali i suoi danni generalmente si presentano in maniera e con intensità diversificata, ma comunque limitata, in funzione delle condizioni meteo climatiche che a causa dell'orografia della regione registrano situazioni diverse anche in aree molto vicine. Negli ultimi anni sono sempre più frequenti annate anomale in cui le infestazioni raggiungono livelli alti o molto alti in tutte le aree olivicole regionali.
Al fine di supportare gli olivicoltori nelle decisioni inerenti la difesa fitosanitaria, da anni il Servizio Fitosanitario della Regione Toscana in collaborazione con specialisti del mondo scientifico ha messo a punto innovativi sistemi di monitoraggio e di divulgazione delle informazioni agli agricoltori utili  a prevenire o contenere l'infestazione





The olive fruit fly: an ever more frequent disaster for Tuscany’s oil production
The olive fruit fly, Bactrocera oleae, is a carpophagous insect whose larvae tunnel into the drupes, causing serious damage. This fly is widespread throughout the Mediterranean basin, South Africa, and California.
Its biological cycle is influenced by the climate and in particular by temperature and humidity.
In the last few years, because of the many abnormal seasons, with relatively mild winters plus rainy springs and summers that were not always hot and dry, the insect’s cycle has adapted to these changes, creating problems in pest control planning for both traditional and organic agriculture.
In Tuscany, the olive fruit fly is a constant pest every year. However, in the last few years, with the rise of abnormal seasons, the infestations have reached high or very high levels in all of Tuscany’s olive-growing areas.
To help olive growers in deciding about pest management, the Servizio Fitosanitario of the Regione Toscana has developed in collaboration with scientific experts, for some years now, innovative monitoring systems and ways of disseminating to farmers information useful in preventing or controlling the infestation.