Prospettive agricole OCSE-FAO 2014-2023

di Paolo Surace
L’11 luglio u.s. è stato presentato il rapporto OCSE-FAO sulle prospettive agricole 2014-2023. I prezzi internazionali delle principali colture sono scesi significativamente rispetto ai livelli storici. Questa tendenza è, in gran parte, dovuta ai raccolti eccezionali dell’ultima campagna. All’opposto, i prezzi della carne e dei prodotti lattiero caseari hanno raggiunto livelli storicamente alti perché nel 2013, le produzioni non hanno soddisfatto le aspettative. 
La domanda di prodotti agricoli dovrebbe aumentare, sebbene meno rapidamente rispetto al decennio passato. I cereali sono ancora i principali alimenti della dieta umana, ma l’aumento dei redditi, l’urbanizzazione e i cambiamenti nelle abitudini alimentari contribuiscono a un’evoluzione orientata verso diete alimentari che contengono più proteine, più grassi e più zuccheri. 
Nel corso del prossimo decennio, l’allevamento di bestiame e la produzione di biocombustibile dovrebbero crescere più rapidamente rispetto alla produzione dei raccolti. Il cambiamento di struttura della produzione agricola mondiale determina al tempo stesso uno slittamento verso i cereali secondari e i semi oleosi per rispondere alla domanda di alimenti, di mangime e biocombustibile, diminuendo le colture di alimenti base come il frumento e il riso. La maggior parte della produzione aggiuntiva proverrà da regioni in cui i fattori determinanti, quali la disponibilità di terre e risorse idriche nonché le politiche regolamentari, sono meno restrittivi. 
I prezzi dei raccolti dovrebbero continuare a diminuire per un anno o due, prima di stabilizzarsi a livelli che restano superiori a quelli del periodo pre 2008, ma significativamente inferiori ai picchi raggiunti di recente. In particolare, i prezzi mondiali dei principali cereali diminuiranno all'inizio del periodo esaminato, trainando gli scambi a livello mondiale. Le scorte dovrebbero crescere; le scorte di riso in Asia dovrebbero raggiungere livelli record. La coltivazioni di semi oleosi continua ad aumentare, sebbene più lentamente, poiché la domanda sostenuta di oli vegetali spinge i prezzi al rialzo. Dopo una fase d’indebolimento alla fine del 2013, i prezzi dello zucchero a livello internazionale si rialzeranno, spinti da una forte domanda mondiale. Le esportazioni dal Brasile, primo esportatore mondiale di zucchero, saranno influenzate dal mercato dell’etanolo. 
Per quanto riguarda gli allevamenti, la domanda stabile d’importazioni dall’Asia e il ripopolamento delle mandrie nel Nord America, spingono al rialzo i prezzi della carne, soprattutto bovina. Il pollame supera la carne di suino per diventare il prodotto di carne più consumato nel periodo esaminato. Per i prodotti lattiero-caseari, i prezzi diminuiscono leggermente rispetto agli elevati livelli attuali poiché si registrano incrementi duraturi di produttività nei principali Paesi produttori e si assiste a una ripresa della crescita in Cina. L’India supera l’Unione Europea, diventando il maggiore paese produttore di latte a livello mondiale.
Gli scambi continuano a crescere, sebbene più lentamente rispetto al decennio precedente. I continenti americani rafforzeranno le loro posizioni di principali esportatori, sia in termini di valore che di volume delle esportazioni, mentre l’Africa e l’Asia aumenteranno le importazioni nette per soddisfare la loro crescente domanda.

(E’ possibile scaricare il documento a questo link: