Annata agraria: Politi (CIA), grandi difficoltà nel 2013, ora servono politiche nuove e concrete

Il Presidente della Confederazione Italiana Agricoltori, Giuseppe Politi, ha rilevato che “nel 2013 il settore agricolo, nonostante abbia reagito alla crisi meglio di altri comparti dell’economia, è stato costretto ad affrontare sfide complesse, con pressanti problemi legati soprattutto alla crescita considerevole ed opprimente dei costi produttivi, contributivi e burocratici … difficoltà evidenti si sono riscontrate nel valore aggiunto agricolo (che dovrebbe diminuire di circa l’1,4%)… I nostri produttori hanno registrato, in ambito UE, la flessione più accentuata (-15,7%), nelle campagne il malessere e il disagio sono notevoli. Le istituzioni devono dare risposte efficaci attraverso leggi e regole che permettano al settore di riprendere con vigore la strada dello sviluppo e della competitività. Un settore che ha bisogno di una nuova politica agraria nazionale. Gli agricoltori, hanno necessità di fatti tangibili – conclude Politi – sono stanchi della mancanza di politiche organiche e di strumenti operativi validi finalizzati a far quadrare i conti tra le spese per produrre e ciò che si ricava dalla vendita sui mercati”. 

Da Agrapress, 3/01/2014