IMU, l'agricoltura ha pagato più del dovuto. Il Governo restituisca i soldi

L’Imu sui terreni agricoli e sui fabbricati rurali ha superato la “soglia” concordata con il governo. L’aggravio sostenibile per gli imprenditori, rispetto al gettito Ici e Irpef 2011, è stato di circa 366 milioni di euro, ben al di sopra dei 210 milioni di euro individuati dall’esecutivo in accordo con le organizzazioni professionali agricole. Ora deve essere attuata la cosiddetta “clausola di salvaguardia”, prevista da un’apposita legge, e i soldi pagati in più vanno restituiti agli agricoltori. In caso contrario, Confagricoltura e Cia - Confederazione italiana agricoltori - sono pronte ad azioni sindacali e legali per il rispetto degli impegni presi.
Confagricoltura e Cia contestano le stime elaborate dal ministero dell’Economia e delle Finanze e sottolineano la necessità di un chiarimento, in quanto non rispecchiano la realtà. Secondo le due Organizzazioni, infatti, non è corretta la scelta di assumere quale dato di partenza i 550 milioni di gettito Imu effettivo sui terreni, senza considerare le maggiorazioni applicate dai comuni. Sicuramente - affermano  Confagricoltura e Cia - il gettito previsto per i fabbricati rurali strumentali è inferiore (circa 59 milioni di euro in meno) a quello stimato. Comunque, le minori entrate sui fabbricati rurali sono state più che compensate dal maggior gettito incassato sui terreni agricoli. Senza contare che ai dati sul gettito forniti dal ministero andrebbero aggiunti i versamenti sui fabbricati rurali degli agricoltori colpiti dal sisma del maggio 2012, che hanno usufruito del differimento dei termini per il pagamento dei tributi. Sta di fatto che l’Imu agricola ha superato abbondantemente l’aggravio previsto. E appare, quindi, quanto mai urgente - come hanno sostenuto gli stessi presidenti di Confagricoltura Mario Guidi e di Cia Giuseppe Politi in una lettera inviata nei giorni scorsi ai ministri dell’Economia Vittorio Grilli e delle Politiche agricole Mario Catania - il rispetto di quanto concordato in sede di confronto tra governo e organizzazioni agricole, a cominciare dall'attuazione della “clausola di salvaguardia”, attraverso la quale si doveva provvedere ad un’eventuale revisione delle aliquote relative ai fabbricati rurali strumentali e ai terreni agricoli, con un decreto del presidente del Consiglio da emanarsi entro il 10 dicembre 2012.

da Agricultura.it - 15 febbraio 2013