terra acqua aria sole vita agricoltura cultura

Notiziario di informazione a cura dell'Accademia dei Georgofili

logo_georgofili

18 maggio 2011

top_colonna1

Stampa

Ridurre gli sprechi alimentari per nutrire il mondo

Secondo uno studio commissionato dalla FAO, circa un terzo del cibo prodotto ogni anno per il consumo umano, va perduto o sprecato. Il documento “Global Losses and Food Waste” evidenzia che: i paesi industrializzati e quelli in via di sviluppo dissipano quasi la stessa quantità di cibo; i consumatori dei paesi ricchi sprecano quasi la stessa quantità di cibo dell’intera produzione totale dell’Africa sub-sahariania; frutta e verdura sono gli alimenti che vengono sprecati maggiormente; l’ammontare del cibo che va perduto o sprecato ogni anno è equivalente a più di metà dell’intera produzione annuale mondiale di cereali. Perdite e sprechi significano anche enorme sperpero di risorse come acqua, terra, energia, manodopera e capitale oltre a produrre inutile emissioni di gas serra e contribuire a riscaldamento globale e cambiamento climatico. Il rapporto FAO offre una serie di suggerimenti pratici su come ridurli.  Nei paesi in via di sviluppo, il consiglio è quello di rafforzare la filiera agro-alimentare assistendo i piccoli contadini a collegarsi direttamente con gli acquirenti.  Il settore pubblico e privato dovrebbero inoltre investire di più nelle infrastrutture, nel trasporto, nella trasformazione e nell'imballaggio. Nei paesi a medio e alto reddito invece le perdite alimentari derivano principalmente dal comportamento del consumatore ed anche dalla mancanza di comunicazione tra i diversi settori della catena alimentare. I consumatori dei paesi ricchi sono in genere incoraggiati a comprare sempre più cibo di quello di cui hanno in realtà bisogno.

Fonte: ufficio stampa FAO (Roma) - 06 570 53625 -  www.fao.org inter_colonna1
Share |

bottone_invia

Commenti

Valerio De Paolis - inserito il 02/11/2011

sono uno studente di agraria, sto facendo una tesi su questa argomentazione. Mio malgrado ho notato che è un argomento che in Italia è da poco che viene affrontato.Il dato positivo è che sempre molte più persone si stanno sensibilizzando a queste tematiche.

inter_colonna1
top_colonna3
box_cerca bottom_titolo_box_p bottone_cerca
box_partners bottom_titolo_box_p
  • coltura e cultura
  • agricultura.it
  • agronotizie
  • almanacco delle scienza
  • fresh plaza
  • stilenaturale.com
  • teatro_naturale
  • fertirrigazione
  • il floricultore
  • aset toscana

Copyright 2010 - ACCADEMIA DEI GEORGOFILI - C.F. e P.iva 01121970485

Disclaimer | Privacy | Credits